Inganni del mestiere

VI

Inganni del mestiere

eccola, la montagna incombeva
il ghiaccio attorto come
su una candela
Scorre giù
Bruciando di nebbia
Bianco e svogliato
La mia montagna che sale di metri
E riposa nel petto,
bucandone i lati